Melissa Bachman e la sua caccia al leone

melissa-bachman
melissa-bachman
Sta facendo il giro del web la foto di questa fiera e sorridente cacciatrice. Ha ammazzato in Sudafrica questo esemplare e, con il corpo ancora caldo della preda, ha postato la foto su facebook. Sotto la foto sono apparsi tanti commenti positivi e complimenti.
Beninteso, la signora nella fotografia, il cui nome è Melissa Bachman, ha cacciato legalmente e per farlo ha pagato una cifra non trascurabile, probabilmente circa 10 mila dollari. In Sudafrica, come in altri paesi africani, è ancora possibile acquistare le licenze per sparare ad un animale della savana, anche se si tratta di specie a rischio d’estinzione.
Il dibattito sull’opportunità di concedere licenze per utilizzare il denaro raccolto per la tutela della natura è apertissimo. C’è chi afferma che senza una regolamentazione della caccia si incrementerebbe il bracconaggio e che i soldi del sacrificio di poche bestie possono salvare tante specie. Eppure, il Botswana, paese confinante con il Sudafrica, ha deciso di non permettere alcuna forma di caccia, rinunciando agli ingenti introiti.
Per quanto mi riguarda, mi chiedo sempre quale sia la soddisfazione di avere il re della savana steso senza più vita ai propri piedi. E ancora, quale gusto del macabro spinga a fotografarsi con dei cadaveri. Non trovo proprio nulla di eroico in una persona armata di fucile, con tanto di guida e assistenti anch’essi armati nel caso in cui il tiratore fosse scarso, che da lontano mira al fianco di un leone. Dov’è la sfida?
Cara Melissa, le direi se l’incontrassi, vai sulle antiche pietre dei Boscimani e impara dalle loro incisioni, in cui c’è il racconto di un equilibrio tra uomo, animali, vita e morte. Seguili a piedi nel bush con la sola lancia o con le piccole frecce dalla punta avvelenata. Renditi silenziosa e leggera come una foglia, diventa invisibile come un camaleonte, acquista la pazienza di un ragno e il coraggio di un bufalo. Allora, solo allora, sebbene a malincuore, ti dirò che avrai dimostrato coraggio.

PS: È nata una petizione, che ha già ricevuto più di 83 mila firme, per chiedere al governo sudafricano di vietare l’ingresso nel paese a Melissa Bachman, cittadina statunitense. Tra l’altro, non è la prima volta, già nel 2012 un’altra petizione contro di lei l’ha esclusa da un programma tv di National Geographic.

Comments
4 Responses to “Melissa Bachman e la sua caccia al leone”
  1. tramedipensieri scrive:

    Non uso dire e tanto meno scrivere parolacce ma qui ci starebbe bene…non una, ma una sequenza ininterrotta!!

    Hai già scritto il mio pensiero non c’è bisogno che scriva altro, se non dolore che provo guardando l’immagine di questo esemplare ucciso.

  2. Mauro scrive:

    non ha avuto bisogno di andare in Africa per compiere ogni serie di crimine efferato, basta vedere la sua pagina facebook, con le sue precedenti “prede£

  3. laura scrive:

    quello che provo è dolore profondo, rabbia …spero di non incontrarla mai sulla mia strada perché questa gente non merita che insulti.

Trackbacks
Check out what others are saying...
  1. […] Leggi anche: https://cafeafrica.wordpress.com/2013/11/18/melissa-bachman-caccia-leone/ […]



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Benvenuti in Café Africa!

    Café Africa è un viaggio alla scoperta di un continente vasto, vario e pieno di energia.
    Un luogo d’incontro per raccontare l’Africa e per cercare di conoscerla più profondamente, superando i luoghi comuni e i pregiudizi di cui spesso è vittima e indagando su aspetti poco noti.
    Café Africa è un mio personale modo di rendere omaggio all’Africa, terra di cui mi sono innamorata perdutamente al primo incontro.
    Per informazioni, anche di viaggi: info.cafeafrica@gmail.com
    Alessandra Laricchia

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: