UE apre le frontiere a 4 Paesi africani

L’Unione Europea ha dato il via libera per riaprire le frontiere a 15 paesi extra Schengen. Nella lista che ha l’ok ci sono 4 paesi africani: Algeria, Marocco, Rwanda e Tunisia.

Dopo il blocco ai viaggi non essenziali verso l’Unione Europea introdotto a metà marzo nel tentativo di contenere la diffusione del coronavirus, dal 1 luglio potranno entrare nell’area Schengen i visitatori provenienti da: Algeria, Australia, Canada, Corea del Sud, Georgia, Giappone, Montenegro, Marocco, Nuova Zelanda, Rwanda, Serbia, Thailandia, Tunisia, Uruguay e Cina. Quest’ultima solo a condizione del rispetto del criterio di reciprocità, cioè se eliminerà a sua volta la quarantena obbligatoria nei confronti dei cittadini europei.

L’Italia, che ha votato a favore della lista, mantiene tuttavia una posizione improntata alla linea della massima precauzione, tenendo ferma la regola della quarantena per tutte le persone che arrivano dai paesi extra-Schengen. Ciò vuol dire che la quarantena sarà obbligatoria per tutti i cittadini di queste 15 nazioni, anche se dovessero arrivare in Italia attraverso altri paesi europei. L’Italia potrebbe, tra l’altro, non essere l’unico paese a prendere tale decisione

Per il momento sono esclusi dalla lista gli Stati Uniti, la Russia, il Brasile e l’India per l’alto numero di contagi. Fuori dalla lista anche Israele. Mentre inclusa è la Gran Bretagna che, nonostante la Brexit, viene ancora formalmente considerata parte dell’Ue.

L’elenco dei paesi verrà aggiornato ogni due settimane in considerazione di tre criteri:

  • tasso di nuovi contagi ogni 100 mila persone nelle ultime due settimane non superiore a 16,1, che è la media europea;
  • trend dei contagi decrescente o quanto meno non in aumento;
  • indice di «affidabilità» del sistema sanitario del paese superiore a 57 (voto medio UE).

L’Ultimo criterio è forse quello più complesso: il punteggio (da 1 a 100) viene stabilito in base ai parametri fissati dall’International Health Regulations dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che misurano la capacità di risposta di una nazione a emergenze sanitarie pubbliche di rilevanza internazionale prendendo in esame test, posti letto in ospedale, posti di terapia intensiva, numero di medici e paramedici in rapporto alla popolazione, regole di prevenzione in vigore, qualità delle cure, monitoraggio, e tanto altro.

Non bastano quindi i pochi contagi. Quali saranno i prossimi paesi africani che riusciranno a conquistarsi un posto nella lista?

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

  • Café Africa
  • Benvenuti in Café Africa!

    Café Africa è un viaggio alla scoperta di un continente vasto, vario e pieno di energia.
    Un luogo d’incontro per raccontare l’Africa e per cercare di conoscerla più profondamente, superando i luoghi comuni e i pregiudizi di cui spesso è vittima e indagando su aspetti poco noti.
    Café Africa è un mio personale modo di rendere omaggio all’Africa, terra di cui mi sono innamorata perdutamente al primo incontro.
    Per informazioni, anche di viaggi: info.cafeafrica@gmail.com
    Alessandra Laricchia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: